2.11.09

Le cose stanno così.

Un paio di giorni fa l'ispettore D'Avanzo ha inciso nella pietra i contorni dell'affaire Marrazzo.
"Le cose stanno così. Quei carabinieri che aggrediscono Piero Marrazzo in un appartamento privato, in compagnia di un viado, non sono canaglie a caccia di un bottino.
Non stanno preparando un'estorsione contro il governatore. Stanno raccogliendo il "materiale" per un ricatto che sarà utilizzato da altri, in altro modo, in un'altra città, con un altro obiettivo da quello del denaro."

Giuseppe D'Avanzo
31/10/2009
La Repubblica

Ovviamente, "gli altri" altri non sono che il Cavaliere con la sua corte di prezzolati. E i Caramba non sono alla ricerca di soldi, ma sono solo gli esecutori di un disegno superiore.
Sarà vero? Come la pensava, solo il giorno prima, il suo collega Bonini?

"Ecco come i quattro carabinieri tentarono di vendere quel filmato."

Carlo Bonini
30/10/2009
La Repubblica

E, ancora, Carlo Bonini il giorno successivo:
"(...)ho sentito che minacciavano Piero dicendo che se lo avessero portato in caserma lo avrebbero rovinato dato che stava con un transessuale. Ho sentito che uno dei due voleva 50 mila euro, ed altri 50 mila li voleva l' altro. Ma Piero non aveva quei soldi"

Carlo Bonini
01/11/2009
La Repubblica

Ovviamente, non si poteva pretendere che a Il Giornale sposassero la linea di Peppone:
"Quello più alto mi chiese di consegnare loro molti soldi e di andarli a prendere. Mi rifiutai dicendo che non ne avevo. Proposi di consegnare loro assegni. Ne compilai 3, mi sembra per importi di 10.000, 5.000 e 5.000 euro. Firmai e li consegnai. Non vi furono esplicite minacce verbali, ma l’uomo mi fece intendere con atteggiamenti e giri di parole che se non avessi pagato sarebbero stati guai. Ebbi paura di essere arrestato e anche per la mia incolumità. Pregai loro di lasciarmi libero".

Gian Marco Chiocci - Massimo Malpica
01/11/2009
Il Giornale

Ma la mazzata definitiva al teorema D'Avanzo arriva stamane dal Corriere della Sera, che così scrive:
Marrazzo, nuove accuse ai ricattatori.
I carabinieri arrestati avrebbero rapinato numerosi trans. L’ipotesi di video su altri clienti.

Fiorenza Sarzanini
02/11/2009
Corriere della Sera

Purtroppo il modello D'Avanzo fa scuola. Alessandro Gilioli, giornalista de L'Espresso, che qui in passato abbiamo già incontrato parecchie volte, ieri così scriveva sul proprio blog:

"Quello che è certo invece è che Berlusconi mente spudoratamente quando si vanta di aver avvisato Marrazzo comportandosi da gentiluomo, «al contrario di quello che avrebbero fatto i leader della sinistra». Una balla pazzesca: lui, la figlia Marina e il “braccio armato” Signorini lo stavano prima facendo pubblicare su Libero e poi su Panorama. Solo alla fine, per motivi ancora ignoti, hanno deciso di farlo comprare dallo stesso Marrazzo (conservandone però copia a Segrate)."

Alessandro Gilioli - Piovono Rane

Capito? Per Gilioli Berlusconi mente spudoratamente. Il motivo per cui il Cavaliere non abbia fatto pubblicare il video gli è ignoto, ma sicuramente non è perché è un gentiluomo.
Il ragionamento non fa una piega. E' come se io dicessi che il Gilioli è un inguaribile sparaballe, ma che i motivi di questa mia convinzione mi fossero oscuri.
Le cose stanno così. Ma anche no.

7 commenti:

marcoscud ha detto...

C'hanno la faccia come il culo.
Sai una cosa Apelle, la cosa che mi ha disturbato di più è il fatto che un comune amico Trentino mi abbia linkato il Commissario Davanzoni come fosse la Bibbia e non quella gran testa di cazzo che è.
Ho deciso che da quel momento, al di là di timide battute, non mi sento più a mio agio a cercare di parlare di politica con tutti.
Tempi brutti e tempi cupi. L'ho sempre pensato che l'unica cosa peggiore dei Fascisti fossero gli pseudo Komunisti che non si rassegnano di essere stati sconfitti dalla storia e dalla gente che non crede più in loro. E che per sopravvivere sono disposti a tutto, legale e illegale. E siccome illegale è meglio, perchè ti puoi inventare quello che vuoi, che illegale sia.
Peccato che 'sta gentaglia abbia già sulla coscienza vittime come il Commissario calabresi e il povero Tobagi.

apelle ha detto...

Guarda, purtroppo certe situazioni sono possibili anche grazie al fatto che il nostro amato Cavaliere c'ha le mani in pasta in troppe cose. E diventa facile attaccarlo, spesso non dico inventandosi le storie, ma anche semplicemente romanzandole. Perché anche nel più spericolato e disgustoso articolo del D'Avanzo o del Travaglio di turno, purtroppo una stilla di verità la puoi sempre trovare. O qualcosa di anche lontanamente paragonabile ad essa.
E' proprio delle persone intelligenti trovare il limite della decenza. E questo oramai è sempre più spesso sorpassato, anche da giornalisti sul nostro lato della sponda, bisogna dirlo. Con l'amico trentino, quando capita, non ho mai avuto problemi nel parlare di questi argomenti, anche se poi mi viene a dire che leggere il Foglio è come fumare le multifilter. quella bestia...:-)

marcoscud ha detto...

Guarda io ho smesso di comprare giornali. Leggo qualche articolo di qualche giornalista che non mi dispiace (il che esclude a priori Feltrusconi). Tutto sommato leggendo Dagospia vado a finire su tutti i giornali, anche quelli Repubblica, Unità il Fatto che mai leggerei. A priori leggo quasi tutto, ma l'altro giorno, leggendo il Commissario Davanzoni, mi è ritornato in mente lo Scalfari Giovane, il re della palla e della "sola" come dicono a Roma.
A destra ormai, il Coglionazzo si è sentito Dio, e ha pensato che nulla potesse ferirlo. Ha innescato la valanga che si concluderà sempre e solo con la sua rovina. Alla sua età si dovrebbe dare retta ai figli (Vendi il Milan!) e alla natura e passare a fare il King maker invece che lo "scopatore mascarato" della mezzanotte!
Non me ne frega nulla del Berluska. Mi interessa l'Italia e alla banda di Scalfari e di CdB l'Italia interessa solo finchè sgancia soldi. CdB non ha mai fatto un lavoro vero e serio in vita sua, ma è sempre vissuto sul ricatto e lo sfruttamento di errori altrui. I suoi di errori li ha sempre pagati l'Italia.
Mi dispiace scoprire che, nel tempo, più la gente perde politicamente, invece di buttarsi e cercare di cambiare la propria politica, sbagliata e con nessun appeal sull'elettorato, si butta su manovre da basso Impero DC. E che amici che stimavo (e che stimo) seguano o credano nelle palle che 'sta gente si inventa mi delude. Mi fa capire che le alternative politiche sono in Italia inesistenti e che rischio di morire non più DC (Grazie a Dio) ma di morire Berlusconiano. E non è che questa possibilità mi esalti. Anzi mi deprime come e forse più della DC.
Chiedo scusa per lo sfogo. Forse sono troppi giorni che mi contengo per rimanere nelle 2/3 righe di FF. troppo strette forse per un Cazzaro o un Troll come me!

apelle ha detto...

Guarda, Marco, posso dirti tranquillamente che sottoscrivo quasi tutto quello che hai scritto, quindi non devi preoccuparti assolutamente di nulla :-)
Di mio ci posso aggiungere solo una cosa: che quello che mi preoccupa di più è il dopo Cavaliere. Non perché lo reputi insostituibile, anzi, ma per il vuoto pneumatico che c'è, e perché non vedo nessuno con le capacità di tenere insieme quella ciurma di peones che abbiamo.

Ciao.

marcoscud ha detto...

Grazie, perchè avrei voluto scrivere io la conclusione che hai scritto tu e che ovviamente io condiviso al 101%. Ti do anche la mancia di 1%.

Buona notte. Speriamo di sopravvivere a questa settimana di M. Io NON SO NUOTARE!

caporale ha detto...

eddai, su con la vita, mi ricordate lui.

apelle ha detto...

:-)